…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

domenica 18 novembre 2012

Parlando di malinconia da terza guerra mondiale

Qualche tempo fa ho fatto un sogno pazzo,
Sognai che stavo entrando nella terza guerra mondiale,
Andai dal dottore subito il giorno seguente
Per sentire quali parole mi avrebbe detto.
Egli affermò che era un brutto sogno.
Non me ne sarei preoccupato troppo, in ogni modo,
Si trattava di sogni miei ed erano solo nella mia testa.
Dissi, "Un attimo, dottore, una guerra mondiale mi ha attraversato il cervello."
Egli disse, "Infermiera, prenda il Suo taccuino, questo ragazzo è pazzo, "
Mi afferrò per un braccio, io dissi "Ahi!"
Mentre atterravo sul lettino d'analisi,
Egli disse, "Raccontami tutto".
Beh, tutto è cominciato alle tre in punto,
Era tutto finito per le tre e un quarto.
Ero giù nella fogna con una qualunque fidanzatina
Quando sbirciai dal tombino
Chiedendomi chi avesse acceso le luci.
Beh, mi alzai e feci un giro
Su e giù per la città deserta.
Rimasi in piedi chiedendomi da quale parte andare,
Accesi una sigaretta sopra un parchimetro
E camminai lungo la strada.
Era una giornata normale.
Beh, suonai la campana del rifugio anti-nucleare
E chinai la testa e urlai,
"Datemi un fagiolino, sono un uomo affamato".
Un fucile da caccia sparò ed io fugii via.
In ogni caso non li biasimo più di tanto,
Lo so che sembro buffo.
Giù all'angolo accanto ad un chiosco di hot-dog
Vidi un uomo, dissi, "Salve, amico,
Suppongo che ci siamo solo noi due."
Gridò un po' e corse via.
Pensava che fossi un Comunista.
Beh, notai una ragazza e prima che potesse andarsene,
"Perché non ce n'andiamo a giocare a Adamo ed Eva?"
La afferrai per mano ed il mio cuore batteva forte
Quando lei disse, "Ehi tu, ma sei pazzo o che altro
Non hai visto cosa è successo l'ultima volta che hanno cominciato?"
Beh, vidi una Cadillac in città
E non c'era nessuno in giro,
Mi misi sul sedile di guida
E guidai per la 42ma strada
Nella mia Cadillac
Una buona macchina da guidare dopo una guerra.
Beh, mi ricordo d'aver visto una pubblicità,
E così accesi la mia Conelrad
Ma non avevo pagato il mio conto Con Ed,
E così la radio non funzionava troppo bene.
Accesi il mio apparecchio-
Era Giornata Rock, Johnny cantava,
"Di' a tua madre, di' a tuo padre,
I Nostri Amori Cresceranno Ooh-wah, Ooh-wah."
Mi sentivo un po' solo e depresso,
Avevo bisogno di qualcuno con cui parlare.
Così chiamai il servizio dell'ora esatta
Solo per sentire una voce qualsiasi.
"Dopo il beep saranno le tre esatte, " Disse così per più di un'ora
Ed io riagganciai.
Beh, il dottore m'interruppe in quel momento,
Dicendo, "Ehi, io ho avuto gli stessi sogni, ma i miei, vedi, erano un po' diversi
Ho sognato che l'unica persona rimasta dopo la guerra ero io.
Non ti ho visto in giro."
Beh, il tempo è passato e adesso sembra che tutti facciano quei sogni.
Tutti si vedono che girano da soli.
Metà delle persone possono avere una parte di ragione sempre,
Alcune persone possono avere completamente ragione per una parte di tempo.
Credo che questo l'abbia detto Abraham Lincoln.
"Ti permetterò d'essere nei miei sogni se io posso essere nei tuoi, "
Questo l'ho detto io.
Bob Dylan
Posta un commento