…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

sabato 25 agosto 2012

Nudo di donna in piedi

Sei ore in questo modo per pochi franchi.
Pancia capezzolo culo alla luce della finestra
lui mi prosciuga il colore. Un po' più a destra,
Madame. E cerca di stare ferma.
Avrò una rappresentazione analitica e sarò appesa
nei grandi musei. Già sento il tubare della borghesia
quando vedono l'immagine della puttana. La chiamano Arte.
Forse. Lui si preoccupa del volume, dello spazio.
Io del prossimo pasto. Stai dimagrendo,
Madame, questo non va bene. I miei seni un po'
cadenti, nello studio fa freddo. Nelle foglie di tè
vedo la Regina d'Inghilterra
che guarda la mia forma. Magnifico, mormora,
e poi va avanti. Mi fa ridere. Il suo nome
è Georges. Mi dicono che è un genio.
In certi momenti perde la concentrazione
e diventa rigido per il mio calore.
Mi possiede sulla tela mentre intinge il pennello
a più riprese nel colore. Piccolo uomo
tu non hai i soldi per le arti che vendo io.
Entrambi poveri, ci arrangiamo come meglio possiamo.
Gli chiedo Perché lo fai? Perché
devo. Non c'è scelta. Non parlare.
Il mio sorriso lo confonde. Questi artisti
si prendono troppo sul serio. Di notte mi riempio
di vino e ballo intorno ai caffè. Quando è finito
me lo mostra con orgoglio, accende un sigaretta. Io dico
Dodici franchi e prendi il mio scialle. Non mi somiglia affatto.
Carol Ann Duffy
Posta un commento