…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

sabato 25 agosto 2012

Ragazza nuda con uova

RAGAZZA NUDA CON UOVA
da Lucian Freud

Mentre lei si toglie il cappotto, la gonna,
il golf di cashmere, la collana di perle,
e si sdraia pronta sul letto, la mano sinistra
che regge il seno sinistro, il corpo contorto
a forma di ‘S’, lui frigge due uova
e le porta su un piattino bianco.
Poi si mette all’opera – il pennello
che scivola sulla carne lucente,
lo scuro pelo ruvido fra le gambe,
come una lingua che cerca il sale.
Lei fissa la mente sulle uova,
come se, concentrandosi abbastanza,
avrebbe scoperto un significato ovvio
come in uno di quei quadri
dove un teschio, in fondo a sinistra, equivale alla morte.
Cosa c’è di più familiare e confortante
che inzuppare pezzetti di pane tostato
nei morbidi tuorli gialli? Eppure lei pensa
a un giorno in brughiera quando pestò
un nido di chiurlo, e di se stessa
in posa sul copriletto nero
per soddisfare qualcosa – ancora in libertà
nel mondo – che ama più di ogni altra cosa
nutrirsi di una ragazza nuda
con due uova fritte.
Vicki Feaver
Posta un commento