…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

lunedì 14 maggio 2012

La strada consacrata alla poesia

L’aurora, l’istante in cui la luce diventa un paio d’occhi
il canto delle tortore si riunisce sui davanzali, schiarisce
il mare, vergine colore di piombo e voce di blu,
mormora un canto di separazione, prendono il volo
i grandi uccelli della malinconia e il capitano
saluta un’ultima volta l’amata
la rosa dei venti indica il vento del nord
Quando il cielo è pieno del sentore delle nostre bocche
le parole trafiggono il cielo con lo scalpello della poesia
il cavallo del desiderio trafigge fra le acque sensuali
i fuochi orientano i viaggiatori sui sentieri d’alta montagna
si sente il rullo dei tamburi nelle valli.
Il cuculo, audace scalatore della solitudine e dell’amore,
canta, unendo il giorno al giorno
“giorni di acciaio fuso e di carboni ardenti”
la notte è ormai una macchia, il giorno si predice
e il poeta in ogni poesia annuncia l’infinito della parola
L’amore è una strada consacrata alla poesia
piena della magia e dell’acidità di luglio
con le prime fiamme di rame d’agosto
che bruciano in vetta alle montagne
Metin Cengiz
Posta un commento