…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

lunedì 30 aprile 2012

Con labbra rosse di tempo

Nel mare è maturata la bocca,
qui la sera ne ripete le parole
in vista delle sue terre.
Mormorando le ripete,
con labbra rosse di tempo.
Bocca, generata dal mare,
dal mare, dove nuotava il tonno,
nel luccichio,
che raggia dagli uomini.
Argento del tonno colpito dal raggio,
argenteo specchio del tonno:
agli occhi risplende
la seconda, errante aureola
delle fronti.
Argento e argento.
Doppio argento del profondo.
Rema le barche laggiù,
fratello.
Poi getta le tue reti,
fratello.
Tiralo su,
gettalo nelle nostre case,
gettalo sulle nostre tavole,
gettalo sui nostri piatti -
Guarda, le nostre labbra s'ingrossano,
anche loro, rosse di tempo come la sera,
anche loro mormorando -
e la bocca su dal mare
già emerge
al bacio infinito.
Paul Celan
Posta un commento