…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

domenica 22 maggio 2016

Dolore che naviga



Ti sento così distante nella mia vita vicina,
che imprigiono i miei sogni come palle di fumo
confuse in un dolore che naviga.
Seguo i tuoi passi nell’ombra dimenticata
di sogni che zittiscono i miei sogni.
Ho visto splendori carichi di labbra
vagare tra le nuvole
senza rotta, verso i tuoi occhi.
Quali frutti tiepidi germinano da essi
al calore delle tua bocca assente!
Quale cielo sorto dalla notte
è il tuo corpo!
Manuel Valerio
Posta un commento