…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

giovedì 30 aprile 2015

Ho atteso a lungo questo istante

Ho atteso a lungo questo istante;
     mi trovo nella stanza, da dove posso
     vederti, me ne sto immobile, fumo, apro
     vecchie scatole, nelle quali cerco i tuoi
     capelli. Cerco e assieme abbandono me
     stesso, questa stanza, questo appartamento.
     Ho atteso a lungo questo istante:
     qua e là dal mio corpo cola una goccia di cera
     rappresa – mi chiami e io sono tutto il tempo
     là, nella stanza, da dove mi vedo
     giungere di nuovo e
     di continuo da te.
     Ti ho atteso a lungo. Cancello facilmente
     quello che ho scritto e riscrivo tutto un’altra
     volta, ma questo spazio, il cui profumo sa
     anche di menzogna ed è come dicembre
     in questi giorni, non lo lascerò mai
     più. Chi mi dirà adesso che non c’è alcuna
     differenza tra le nebbioline che salgono
     lentamente per le scale
     e questi fiocchi di neve che cadono qui
     e potresti guardarli? Ma che importa dato che
     piangiamo entrambi, io, quanto trito la cipolla
     e penso a Pablo Neruda e tu senza alcuna ragione.
     Ho paura. E temo che questa paura non torni
     più. Adesso chi mai tratterrà per un momento
     tutte quelle ore in cui non riuscivo a dormire,
     essendo tutte nel tuo respiro e inoltre
     io ti dirò ancora una volta,
     di mattina sei bellissima.
     Ti ho atteso a lungo
     e adesso mi sono trasferito. Appena ora vedo
     che non c’è differenza tra il silenzio e il sole
     che all’alba svela il mistero –
     all’alba mi trasferisco in te
     e finalmente mi addormento.
Andrej Hočevar
Posta un commento