…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

martedì 19 novembre 2013

Se per l’ansia che io avevo di te

Se per l’ansia che io avevo di te perdevo i portafogli ad ogni angolo della strada; se per il male che mi ero procacciata da me dalle tue braccia invisibili ad ogni angolo della strada mi ero procacciata da me l’infelicità di saperti lontano da me, se per la mia scontentezza e generosità fallita io stendevo nella notte lunghi fili di ragno alla tua porta (portone chiuso senza speranza salvo per una trovata che non poteva sorgere dal mio cervello) se per il tuo pudore e per la mia impazienza perdevo tutti i rulli del controllo; se per le mie incertezze nel mezzo di una ironia dolce e racchiusa io cercavo te anche nella notte degli altri: era per meglio riconoscerti nel turbamento degli altri: cavalli sospesi in aria su della strada che non continua.
Amelia Rosselli
Posta un commento