…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

martedì 18 giugno 2013

Stringendosi alla terra

Amore alle lab­bra era un tocco
Dolce quanto reggevo;
E parve una volta troppo;
Io dell’aria vivevo

Che a fiotti da dolci cose
M’investiva…profumo di muschio
Da gio­vani vigne nascoste
In fondo a un pog­gio al crepuscolo?
Dolente io ero e stordito
Da fiori di caprifogli
Che scuo­tono quando li cogli
Una rugiada alle dita.

Bra­mai forti dol­cezze, ma solo
Da gio­vane par­vero forti;
Il petalo della rosa
Fu quello che punse e morse.

Nes­suna gioia adesso che mi piaccia
Se non mischiata a dolore,
A sfi­ni­mento e ad errore:
Per que­sto io amo la traccia

Di lacrime, il mar­chio che resta
D’un quasi troppo amore,
Il dolce d’amara corteccia
E delle spe­zie il bruciore.

Se morta, dolente e segnata
Ritiro via la mano
Dopo averla pre­muta, schiacciata
Nell’erba e nella sabbia,

Quel poco male non basta:
Io voglio più forza e più peso
Per­chè la terra ancor più rude prema
Tutto il mio corpo steso.
Robert Frost
Posta un commento