…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

mercoledì 17 aprile 2013

Quanto fu lunga la mia malattia

(Quanto fu lunga la mia malattia, e tanto amara la mia vita in quella fu stretta e spiegazzata come un cencio, e io pallido e stanco come un mondo intero dovessi sopportar tutto su la mia schiena, faticavo tanto, m’immaginavo mondi tutti assai più lievi e volatili di questo mio, che tanto m’affliggeva e tormentava, e vaneggiavo di nascoste verità e cieli quieti di pensieri chiari ove più mio l’animo affranto potesse dimorare, e non trovavo queste cose che non esistono, e soffrivo) Beppe Salvia da Cuore (cieli celesti)
Posta un commento