…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

martedì 19 febbraio 2013

Rivolgendosi alla propria anima

Tutte le piante che abbiamo amato
tu e io le vere e le dipinte
che s’inverano nel ricordo e s’abbracciano
mortalmente dai muri reclusi

del Palazzo di Giovanni Rossetti
a quelle affaticate del suo parco –
pini innevati da un lungo inverno
e magnolie stuprate nella carne

bambina e già materna in un’estate
che non può non essere fuggevole –
dobbiamo anima mia onorarle
e salutarle forse per l’ultima volta?

Le vedi allontanarsi in senso opposto
a te che t’allontani da loro e si trascinano stormi
di ospiti invadenti da primavere future
in cori assordanti di figure e canti?

Addio e addio ancora sante piante.
Attilio Bertolucci
Posta un commento