…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

lunedì 25 febbraio 2013

Notturno

Non so perché, ho sorriso improvvisamente
e un sapore di stella m’è arrivato in bocca…
Penso a te, a Dio, ai giri innumerevoli che fan tutte le strade…

A Dio, a te, di nuovo…
La tua tenerezza così semplice…
Vorrei, non so perché, uscir correndo scalzo nella notte immensa
e il vento del mattino mi troverebbe morto ai bordi d’un ruscello,
con i capelli e la fronte immersi nell’acqua limpida…
Immersi nell’acqua limpida, cantante e fresca di un ruscello! 
Mário Quintana
Posta un commento