…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

venerdì 16 novembre 2012

Ahora Que

Ora che ci baciamo tanto lentamente,
ora che imparo balli di sala,
ora che una pensione è un palazzo, dove non manca mai spazio
per più di un cuore...
Ora che le fioraie mi salutano,
ora che mi addottoro in lingerie,
ora che ti denudo e mi denudi,
e, nella stazione dei dubbi, muore un treno locale...
Ora che rimaniamo a letto,
lunedì, martedì e feste comandate,
ora che non mi ricordo del pigiama,
né ritaglio il cruciverba, né mi ammazzo se vai via.
Ora che ho un'anima che non avevo.
Ora che batto le mani per allegria.
Ora che più niente è sacro, né piove sul bagnato.
Ora che facciamo la ola per fastidio.
Ora che è tanto sola la solitudine.
Ora che, tutti i racconti, sembrano il racconto di un mancato inizio.
Ora che metti altro a quel che si deve,
ora che il mondo è appena dipinto,
ora che i temporali sono tanto brevi ed i dolori non osano farci troppo male...
Ora che sta tanto lontano la dimenticanza,
ora che mi profumo ogni giorno,
ora che, senza sapere, abbiamo saputo
di volerci, come si deve, senza volerci ancora...
Ora che si confondono le settimane, fugaci, come stelle di Baghdad,
ora che, quasi sempre, ho voglia di arrampicarmi alla tua finestra
e togliermi la maschera.
Ora che i sensi sentono senza paura.
Ora che saluto ma rimango.
Ora che toccano gli occhi, che guardano le bocche, che gridano le dita.
Ora che non ci sono vaccini né litanie.
Ora che sta sulla luna la polizia.
Ora che scoppiano le automobili, che sogno di notte che dormo di giorno.
Ora che non ti scrivo quando vado via.
Ora che sono più vivo di quello che sono.
Ora che niente è urgente che tutto è presente, che c'è pane per oggi.
Ora che non ti chiedo quello che mi dai.
Ora che non mi misuro con gli altri.
Ora che, tutti i racconti, sembrano il racconto di un mancato inizio.
Joaquin Sabina
Posta un commento