…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

sabato 29 settembre 2012

Brindisi

Lascia il vino sul desco. Guarda come
un nuovo inverno d'orizzonti oscuri
- legna e nuvole, freddo e aridità -
fantastico e insondabile si mostra.
Beviamo ancora. Sian le nostre anime
di cenere e di tulle, e che districhino
l'infinita matassa della morte.
Entrino nell'inverno della spina,
e le tele di ragno lacerate
e si divida il fumo quieto e bianco.
Obliata la nostra arida carne
e rigida marcisca, e noi si stia
per sempre nella grigia penitenza.
Bevi, se l'aria è cieca. Bevi e guarda
il profondo e crudele inverno ampliarsi
ricurvo alle sue luci nuvolose.
Condannato sprofondo. Il mio futuro
un magro inverno, gelido, insondabile.
Manuel Altolaguirre
Posta un commento