…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

mercoledì 11 luglio 2012

Neve alla finestra

Avrei voluto vivere con Voi
In una piccola città,
Dove i tramonti non finiscon mai
E così pure le campane.
E nel piccolo albergo di campagna —
I sottili rintocchi
D’una pendola antica — briciole di tempo.
E da qualche mansarda, qualche sera,
Un flauto,
E, alla finestra, il flautista stesso.
E grandi tulipani alle finestre.
E forse, senza che neanche mi amaste...
Nel centro della camera — una stufa
Di maiolica, enorme, un quadro per piastrella:
Una rosa — un cuore — un bastimento —
E all’unica finestra —
Neve, neve, neve.
Voi stareste disteso — come piacete a me:
Indolente, distaccato, insensibile.
Di tanto in tanto il brusco scrocchio
D’un fiammifero.
Brucia la sigaretta e poi si spenge,
E a lungo — a lungo pencola la cenere
Sulla sua punta, in grigia colonnetta.
Ma nemmeno di scuoterla vi va —
E tutta intera vola nella stufa.
Marina Cvetaeva
Posta un commento