…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

domenica 3 giugno 2012

Piccola storia

Uccelli senza nome
nascevano dalla sua bocca,
in alberi senza nome inciampava,
ma l'uomo non era cieco
né sordo
e sentì il gracchiare,
la nota primigenia.
Il vento produsse la tempesta
e cominciò la danza dei rami.
Da lì le stagioni
e tutto fu colore,
la festa fino all'alba
il suo cuore colmo
l'ebbrezza infinita.
Così cominciò la scrittura
il muto.
Pioveva a catinelle.
Dalla terra sorsero gli esseri
e parlavano per lui.
Carmen Yáñez
Posta un commento