…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

lunedì 14 maggio 2012

Respiro

Quello che voglio da Dio, temo di essere
spiacevole, non è nessuno degli affari
del corpo, orrendi pasti
di sangue e di ostia, e nessuna
delle reti di uomini servili,
neurali, capillari o elettriche.
Niente piccole storie recitate
nel tempio, nel collo e nel polso.
Voglio l’aria grave,
senza inni, senza ritorni,
il bacio profondo – dell’assenza.
Voglio essere libera dagli uomini,
che sembrano amichevoli ma muoiono,
e libera dai miei studi
legati al suono. Voglio
lo spazio in cui scompaiono
tutti i nomi di adorazione,
e la terra recede a uno svanire
d’argento, il punto
in cui possiamo dimenticare
la nostra storia di desideri
e divenire
il suo splendido respiro blu,
il suo spirito e unica canzone.
Heather McHugh
Posta un commento