…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

martedì 10 dicembre 2013

Solo per me

Me ne sto qui,
a lavorare,
mentre mi aspettavo che questa storia portasse un po' di calma,
che rimanere ad aspettare avesse
il piacere della tranquillità, della certezza.
Per il cumulo di piccole precauzioni già avute
si creasse un mondo ovattato,
una placenta dorata dentro cui muoversi.
 
E invece no,
mi ritrovo stordito
a dover far correre più veloce la mente per qualche soldo in più e
al posto dell'umana e borghese soddisfazione,
di quel piccolo onore sociale che mai ho avuto il piacere di provare,
guardo impaziente la mia borsa,
in basso a destra,
dove ho messo delle fotografie appena ritirate.
 
Continuo ad inciampare su lancette, ipotesi di traffico,
inconvenienti vari
mentre sono costretto a sorridere,
ad ammettere la sconfitta,
più di tutto
che ormai sarebbe già tardi per altre soluzioni,
per una strategia prudente e ponderata,
per quel briciolo di abitudinario tepore fatto di fumo, odori acri, gentilezze fragili,
per una camera deserta e poco illuminata.
 
Ho voglia di vederti arrivare
con la testa bassa,
rimanere seria e sorridere
solo all'ultimo istante,
allora aprire le braccia e le labbra
solo per me. 
Louis Ferdinand Celine
Posta un commento