…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

giovedì 7 novembre 2013

So chi sei, ma mi manca il tuo nome

So chi sei, ma mi manca il tuo nome - né  
sempre le parole arrivano agli occhi. Ma  
non dare importanza: ci sono altre cose che non
dimenticherò mai - le mie braccia ancorate al tuo  
corpo, una cecità, e il mondo improvvisamente tanto  
piccolo - e queste, tu non lo sai, mi mancano
anche. Il tuo volto, dammelo per un secondo, La  
tua bocca, chiaro. Sono tanti gli anni senza te nelle pieghe
della mia gonna, tanta vita custodita per un giorno
così. Adesso ritorna, dunque. Lascia cadere quel sorriso  
delle tue labbra, - nelle mie deve distendersi come
il sole, all’imbrunire, quando di nuovo sopra di loro  
respirerai con il profumo salato delle maree. Ma
non dire niente del mio corpo stanco - è una camicia  
d’estate dimenticata sulla spiaggia, e l’abito è sempre
il meno, tanto fa. Non vedi chi sono? Il tempo
non può aver castigato solo il mio sguardo. Vieni  
più vicino e spia adagio: sono tanti gli anni  
senza le tue braccia nelle maniche del mio vestito,
tanto sangue custodito nelle vene per una notte   
così. E tu già te ne vai?  
MARIA DO ROSÁRIO PEDREIRA
Posta un commento