…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

mercoledì 27 novembre 2013

Le nove porte dell'amore

Questa poesia è per te sola Madeleine
E’ una delle prime poesie del nostro desiderio
E’ la nostra prima poesia segreta oh te che amo
Il giorno è dolce e la guerra è così dolce se si dovesse morirne

Tu ignori mia vergine il tuo corpo ha nove porte
Ne conosco sette e due mi son nascoste
Ne ho aperte quattro vi sono entrato spero di non uscirne più
Perché io sono entrato in te attraverso i tuoi occhi stellati
E attraverso le tue orecchie con le Parole che comando e sono
La mia scorta
Occhio destro del mio amore prima porta del mio amore
Aveva abbassato la saracinesca della sua palpebra
Le tue ciglia erano allineate davanti come i soldati neri dipinti
Su un vaso greco pupilla saracinesca carica
Di dolcezza
Che nascondeva il tuo limpido sguardo
E pesante
Simile al nostro amore
Occhio sinistro del mio amore seconda porta del mio amore
Simile alla sua amica e casta e carica d’amore come lei
Oh porta che conduci al tuo cuore la mia immagine e il mio
Sorriso che brilla
Come una stella simile ai tuoi occhi che adoro
Doppia porta del tuo sguardo t’adoro
Orecchio  destro del mio amore terza porta
Prendendoti arrivai ad aprire interamente le due prime porte
Orecchio porta della mia voce che ti ha persuaso
Amo te che donasti un senso all’Immagine grazie all’Idea
E anche te orecchio sinistro te che delle porte del mio amore
Sei la quarta
Oh voi orecchie del mio amore siate benedette
Porte che vi apriste alla mia voce
Co,me le rose s’aprono alle carezze della primavera
Grazie a voi la mia voce e il mio ordine
Penetrano nel corpo intero di Madeleine
Vi entro uomo tutt’intero e anche poesia tutt’intera
Poesia del suo desiderio che fa sì che anche io m’ami
Narice sinistra del mio amore quinta porta del mio amore e dei
Nostri desideri
Entrerò per di là nel corpo del mio amore
Entrerò sottile con il mio profumo di uomo
Il profumo del mio desiderio
L’acre profumo virile che inebrierà Madeleine
Narice destra sesta porta del mio amore e della nostra voluttà
Tu che sentirai come la tua vicina il profumo del mio piacere
E il nostro profumo misto più forte e più squisito di una
Primavera in fiore
Doppia porta delle narici adoro te che prometti tanti sottili piaceri
Attinti dall’arte dei fumi e dei profumi
Bocca di Madeleine settima porta del mio amore
Vi ho visto oh porta rossa abisso del mio desiderio
E i soldati che stanno lì morti d’amore m’hanno gridato
Che si attendono
Oh porta rossa e tenera
Oh Madeleine ci sono due porte ancora
Che non conosco
Due porte del tuo corpo
Misteriose
Ottava porta  della grande bellezza del mio amore
Oh mia ignoranza simile a soldati ciechi tra i cavalli di frisia
Sotto la luna liquida delle Fiandre in agonia
O piuttosto come un esploratore che muore di fame e di sete
e d’amore in una foresta vergine
Più tetra dell’Erebo
Più sacra di quella di Dodona
E che lascia immaginare una fonte più fresca di Castalia
Ma il mio amore vi troverebbe un tempio
E dopo aver insanguinato il sagrato su chi sta di guardia
all’affascinante mostro dell’innocenza
Vi scoprirei e farei sgorgare il più caldo geyser del mondo
Oh mio amore mia Madeleine
Sono già il padrone dell’ottava porta
E tu nona porta più misteriosa ancora
Che t’apri tra due montagne di perle
Tu più misteriosa ancora delle altre
Porte dei sortilegi di cui non si osa parlare affatto
Anche tu appartieni a me
Suprema porta
A me che porto
La chiave suprema
Delle nove porte
Oh porte apritevi alla mia voce
        Io sono il padrone della Chiave
 
Guillaume Apollinaire
Posta un commento