…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

mercoledì 21 agosto 2013

Sonetto 2 (Se la parte esterna di noi del piacere di vivere)

Se la parte esterna di noi del piacere di vivere
Che contiene la nostra eccitata carnalità
Fosse vista da un occhio indiretto e co – carnale
Gioia, corpo e vita sarebbero magro schermo.
E forse la Verità non è un ente visibile,
Quando è solo apparenza anche apparenza inganna,
Forse la breve, tiepida, oscura e vaga vista
È la visione nebbiosa che hanno gli occhi bendati .
Donde vien di vita la percezion mentale? Dal nulla.
Tutto è o l’irrazionale mondo che noi vediamo
O un qualcos’altro in cui l’ignoto – ente disgrega.
Il suo pro per quel del nostro pensiero. Da che mi prende
Questo nauseante mal di vita, ipercorporeo
Animico odio per ciò che noi cerchiamo e piangiamo.
Fernando Pessoa
Da: "I trantacinque sonetti"
Posta un commento