…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

venerdì 23 agosto 2013

Non molti i regni rimasti



Scrivo le labbra della luna sulle sue spalle. In un tempio
d'argentea lontananza la faccio la guardia mentre riposa.
Per il suo letto scrivo una quiete su tutti i cigni del
mondo. Col respiro mattutino del leopardo delle nevi
la copro contro ogni male.
Usando la penna dei fiumi e delle vette le riempio
il cuscino di canzoni.
Sui suoi capelli scrivo lo sguardo dei cieli di primo
mattino.
- Lontano da questo regno, da questo ultimo posto
inviolato, scrivo civiltà, governi e tutte le altre
istituzioni, abbandonate dallo spirito e militaresche.
O freddi splendidi bocci, le labbra della luna corrono
sulle sue spalle... Fatevi da parte! Da parte!
Kenneth Patchen
Posta un commento