…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

domenica 18 agosto 2013

Poesia umida

Con l’arrivo della pioggia giunse marzo
bagnando i fogli dei calendari
 
i giorni colarono sui muri dietro
il fondo marcio degli armadi.
 
Nella pila crebbe il muschio,
le felci scesero sui portoni in grossi fasci,
 
il verde infiltrato sulle lastre
le coprì di muschio e capelvenere.
 
i libri sulle mensole ammuffirono,
ammuffirono sotto il letto le ciabatte,
 
irruppero funghi d’improvviso,
dentro le scarpe e gli stivali
 
tra vasi di coccio e fredde sere,
la vita si inumidì sugli scaffali
entrò in pozzanghere per strada,
per molti giorni scivolò sul fango.
alla fine riso e grano germogliarono,
spuntarono i fogliami, splendette il sole,
e come al principio dei princìpi
partì chiudendo marzo e fu aprile.
Mário de Oliveira
Posta un commento