…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

giovedì 4 aprile 2013

Versi per una ragazza 5 giorni dopo il suo 21esimo compleanno



Tornato al Palace
tra le lenzuola
viaggia più in fretta
chi viaggia sola
tornato al pascolo
col cuore in gola
viaggia più in fretta
chi viaggia sola.
Tornato a tutto il niente
e alla mia vita sola
viaggia più in fretta
chi viaggia sola
ma signori, niente paura
Perché c’è Harry’s bar
al Lido passa Afdera
sul suo basso giallo car
l’Europeo pubblica
Mondadori non paga
odia gli amici
ama tutto ciò ch’è falso
qualche puledro di fieno s’appaga
ti svegli la mattina
Venezia è sempre là
i piccioni cercano e s’accoppiano
dove la piazza è nell’oscurità.
Le cose che abbiamo amato sono nel grigio della laguna
tutti i sassi tra cui si fa la spola
d’ora in avanti camminaci da sola
vivi pure da sola se ti piace
ti piacerà per una giornata
ma io non sarò sola, lei disse, incavolata.
Solo in cuor tuo, rispose. Solo nella tua mente.
Ma mi piace star sola, ribatté lei, furente.
Sì, lo so, disse lui
sì, lo so, disse.
Ma sarò la migliore. In testa al branco.
Sì sì, lo so. Ne hai tutto il diritto.
Un giorno torna a dirmelo. Mostrami ciò che hai scritto.
Tu e tutti i tuoi problemi. Non fai che lavorare.
Sì lo so rispose lui.
Tu fa’ come ti pare.
Fallo la mattina a mente fresca
fallo la sera prima che tu esca.
In primavera, fallo, quando la primavera non è giunta
fallo d’inverno
lo conosciamo, l’inverno,
fallo nei giorni più caldi
cerca di farlo all’inferno.
Scambia il letto con una matita
baratta con un foglio la tua pena
no, va’ pure per la tua strada
ragazza, e buona fortuna.
Ernest Hemingway – 1950
Posta un commento