…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

lunedì 3 dicembre 2012

La mia pelle porta ancora un respiro


La mia pelle porta ancora un respiro
la mia mano tiene ancora il suo sesso
la mia bocca si incurva ancora sopra la mezzanotte
sei ancora tu il mio desiderio
Cos’è il mio desiderio, se non tu!
Ah, com’è bello che nessuno sappia.
Se vuoi rendermi infelice,
ricomincia daccapo.
Ingeborg Bachmann
Posta un commento