…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

venerdì 14 dicembre 2012

All’antropologo degli amori miei

All’antropologo degli amori miei,
se fossi intervistato, narrerei
che una parte grande dell’unione
è stata nelle mosse della passione
e un’altra nei silenzi melodiosi
in cui ci immergevamo,
luminosi,
nell’attimo reciproco e comune,
inlunandosi in mare le due lune.
Ma poi,
per completare la teoria,
rivelerei che forse, più ancora,
il punto forte della nostra unione
erano certi giochi d’allegria:
quella risata splendida e sonora
in cui mescolavamo le persone.
Roberto Piumini
Posta un commento