…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

martedì 27 novembre 2012

Parlando al dolore

Ah, dolore, non dovrei trattarti
come un cane randagio
che viene alla porta di servizio
per un tozzo di pane, per un osso spolpato.
Dovrei riporre in te la mia fiducia.
 Blandendoti dovrei
farti entrare in casa e concederti
un angolino tutto tuo,
una stuoia consunta su cui sdraiarti
una scodella d’acqua tutta tua.
 Credi che non lo sappia che vivi
sotto la mia veranda.
Brami che ti venga preparato il tuo vero posto
prima dell’arrivo dell’inverno. Hai bisogno
del tuo nome,
del tuo collare e della tua medaglietta. Hai bisogno
del diritto di mettere in fuga gli intrusi,
di considerare tua
 la mia casa
e me la tua persona
e te stesso
il cane che mi appartiene.
Denise Levertov
Posta un commento