…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

sabato 29 settembre 2012

Invidia

Sono invidioso.
                            Un segreto
che non ho mai rivelato a nessuno.
Io so
        che da qualche parte
vive un monello
                               e l’invidio
da morire.
L’invidio
                per come sa fare a pugni;
non ero io così leale e coraggioso.
L’invidio
                per come ride;
non sapevo ridere così da bambino.
Lui se ne va in giro
                                    tutto lividi e graffi,
io ero sempre pettinato,
                                              senza cicatrici.
Tutti i brani
                       che saltavo nei libri
lui non li salterà.
                              Anche in questo è più forte.
Sarà onesto
                      e implacabilmente leale
nel difendere il bene,
                                        la verità
e dove io buttavo la penna:
“Tanto a che vale…”,
lui prendendo la penna
                                             dirà
“Oh, se vale!”.
Se il nodo  non saprà sciogliere,
lo taglierà,
mentre io
                 non saprei che fare.
E se amerà
                   non potrà disamare,
mentre io non farò
che innamorarmi
                                  e di nuovo smarrire l’amore.
Terrò nascosta l’invidia.
Cercherò di sorridere,
                                          facendo lo sciocco:
“Qualcuno deve pur sbagliare,
qualcuno deve pur campare
                                                        da sbalestrato…”.
Ma benché cerchi di convincermi:
“A ciascuno il suo destino…”
non potrò
                  dimenticare
                                         quel monello
che darà frutto più di me.
                                                                Evgenij Evtušenko
Posta un commento