…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

mercoledì 12 settembre 2012

Canzone dell'oboe

Abita nel mio sangue come un assolo di oboe.
Inesistente e immaginata
è tutta fatta di niente
ma necessaria come l'aria che non si vede.
Con i piedi alati delle semicrome
che traboccano dal pentagramma,
balla sul podio olimpico delle vene,
dilatata, prorompente, incauta.
L'ascolto da sveglio e la sento mentre dormo
nelle lunghe onde che nel sangue vanno
come un transistor che si accosta all'orecchio
e lo sente solo chi lo tiene in mano.
António Gedeão
Posta un commento