…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

venerdì 10 agosto 2012

Lettera senza congedo

A volte - o per meglio dire:
quasi mai-
ti odio tanto che ti vedo diversa.
Nè in cuore nè in anima somigli
a quella che amavo appena un istante fa,
e perfino il tuo corpo cambia
è più bello
- forse perchè impossibile e lontano.
Ma anche l'odio modifica
me stesso,
e quando voglio accorgermene
sono un altro
che non odia,
che ama
quella sconosciuta il cui nome è il tuo,
che porta il tuo cognome,
e ha
come te
lunghi i capelli.
Quando sorridi, ti riconosco,
prima identifico il tuo profilo,
e ti rivedo
finalmente,
tale come eri, come continui
a essere,
come ormai sarai sempre, fin quando ti amerò...
Josè Hierro
Posta un commento