…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

venerdì 20 luglio 2012

Mottetto della sera d'aprile

Come la pioggia il cuore
scende in sé solo eterno
come in un lungo inverno
la neve dell'amore.
Tutta dolcezza e pianto
vorresti le parole
che chiudono da sole
la verità del canto.
Parole in cui la sera
si spenga a poco a poco
sola in quel fiume fioco
di cielo a primavera.
In questa calda serra
un palpito che sveli
le cose è già parola.
Cade la pioggia, sola.
Sei come i grandi cieli
che fuggono la terra.
Alfonso Gatto
Posta un commento