…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

giovedì 26 aprile 2012

La piccola città

Nacqui in una piccola città e in una piccola casa
sotto l’intreccio verde d’una vite.
Per questo ho tanta voglia di scoprire
tutto quanto è nel mondo.
L’uno con l’altro ci si conosceva nella città,
si camminava adagio,
ci si fermava per la strada e a lungo
l’uno con l’altro ci si interrogava:
- Come stai? Come va?
Ricordo nella piccola città
i vicini donarsi dalla soglia
il pane, i fiori da trapianto, ecc …
o scambiarsi attraverso i muriccioli
fuoco, notizie e una parola buona.
Oh se la gente
del mondo, sorda, estranea, decidesse
di porgersi, attraverso le barriere,
di propria iniziativa, mani e cuore!
Ringrazio la mia piccola città
d’avermi spalancato gli occhi
di meraviglia verso il mondo intero,
occhi di provinciale ma insaziabili,
che sempre crederanno e cercheranno,
lungo il cammino, d’incontrare quanti
porgono una parola di conforto,
o un po’ di fuoco, o un consiglio, ecc…
Blaga Dimitrova
Posta un commento