…Dicono che c'è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare… io dico che c'era un tempo sognato che bisognava sognare.

...solo un sogno, un'emozione...una nuvola...solo un alito di vento che ti sfiora, solo l'eco dei tuoi passi nella sera...

venerdì 19 ottobre 2012

Il gioco a incastro

Si unirono
come fratello e sorella,
amici perduti,
orfani divisi dal tempo.
Lui le morse la spalla
e le entrò nel sangue per sempre.
Lei gli morse la lingua
e cambiò il tono della sua canzone.
Camminarono insieme stupiti
di non essere soli.
Cercarono la solitudine
come cani perduti.
Ma lingua e spalla
li univano.
Lei, svegliata dai suoi incubi;
lui, stupito dai suoi sogni.
Lui la penetrava
e gli sembrava di tornare dentro di lei.
Lei godeva
e le sembrava che le si sciogliesse la pelle.
Lei temeva di non avere più niente da scrivere.
Lui temeva che lei lo prosciugasse e svanisse.
Parlarono di queste cose,
insieme, uniti.
Lei cercò di capire
il gioco a incastro del suo cuore.
Lui la fece a pezzi
e la ricompose
con precisione estrema.
Erica Jong
Posta un commento